Il Clero della Parrocchia

 

 

Il Parroco

don Luciano Catalano

Don Luciano Catalano è nato a Calascibetta (EN) l'11 maggio 1945. Da giovane seminarista compie gli studi presso il Seminario Vescovile di Caltanissetta. Viene consacrato sacerdote nella Cattedrale di Caltanissetta il 29 giugno 1970 dal Vescovo mons. Francesco Monaco. Ha studiato Teologia pastorale presso l'Ateneo Pontificio Angelicum di Roma. Ha prestato servizio presso diverse Comunità parrocchiali del nisseno. Dal 1986 è stato incardinato nell'Arcidiocesi di Palermo dal cardinale Salvatore Pappalardo il quale lo ha nominato parroco della Parrocchia di San Pietro Apostolo a decorrere dal 15 settembre 1986. Fa il suo ingresso in Parrocchia il 16 novembre 1986. E' docente di Religione presso l'Istituto tecnico commerciale "Luigi Sturzo" di Bagheria".

Sacerdote dinamico e di grande temperamento, ha sempre curato la celebrazione liturgica e l'amministrazione dei sacramenti in modo eccellente. Costante annunciatore della Parola di Dio, non ha disdegnato l'impegno civile anche attraverso interventi pubblici. Ha sempre guidato con sicurezza, le comunità che gli sono state affidate e da venti anni, quella di San Pietro Apostolo. Ha ispirato la propria azione pastorale e culturale a valori fondamentali quali l’accoglienza, il dialogo interreligioso, il superamento della contrapposizione tra culture dominanti e dominate nella consapevolezza che tutte le culture hanno un loro valore, sono uguali, in linea di principio, e costituiscono la più grande ricchezza dell’uomo. Ha difeso le molteplici identità culturali e la consapevolezza che l'attuale civiltà non è monolitica, ma dotata di estrema varietà e ricchezza proprio per l’apporto che le culture più diverse e in particolare di quella araba. Su queste linee guide ha condotto la comunità che ha dotato di "antenne lunghe, polmoni grandi e occhi aperti al mondo". Ha condotto la parrocchia a confrontarsi con i problemi della globalizzazione, dello sfruttamento neocoloniale, delle barriere razziali che rendono difficili l’inserimento dei gruppi extracomunitari nel nostro tessuto sociale.

Nel corso degli anni ha allestito una serie di "Presepi messaggio" a sfondo interculturale e interreligioso, recital di poesie, convegni (uno dei quali su Islamismo e Cristianesimo), fiaccolate per le vie cittadine a testimoniare l’obbligo morale avvertito anche dalla comunità, di spiegare le origini storiche del sottosviluppo denunciando gli interessi delle multinazionali che condannano milioni di uomini alla miseria, alla fame, alle malattie e alla morte in nome del profitto e del fatturato. Per un certo periodo ha curato, insieme con il diacono Pino Grasso, una trasmissione televisiva a carattere religioso, su una emittente locale di Bagheria.

Portato verso la pastorale giovanile, ha suscitato vocazioni sacerdotali e alla vita consacrata a dimostrazione di un carisma molto forte di cui è stato dotato dal Signore. Tra queste quelle di don Riccardo Girgenti e di suor Chiara Luciana, al secolo Giovanna Maria Licciardi che all'età di 18 anni ha fatto una scelta radicale, quella della clausura entrando nel monastero francescano delle Clarisse di Termini Imerese.

Durante il suo servizio di Parroco della Comunità di San Pietro Apostolo, con la collaborazione del Consiglio pastorale, ha intrapreso molteplici iniziative, la più importante e significativa delle quali è stata la realizzazione del nuovo Complesso parrocchiale di via Mattarella, un sogno che si portava dentro fin da quando era piccolo. "Un sogno che – come egli ha più volte affermato – non significava costruzioni di cattedrali nel deserto, ma favorire attraverso la logica degli spazi la possibilità di parlare all’uomo contemporaneo con il linguaggio della fede per una riproposta di quei valori che per cause diverse sembra aver smarrito". Padre Luciano nel documento “Uno Spazio di Fede” del 1993 così scrive: ”Una Chiesa nuova non come struttura, ma come spazio di fede, luogo sacro, spazio di santità, Eden di preghiera…Chiesa nuova come celebrazione del Mistero Pasquale…Chiesa nuova che, come il suo Maestro, impari a stare in ginocchio per lavare i piedi ai fratelli. Chiesa di servizio che nella missionarietà assolva le dimensioni della salvezza cosmica”.

 

Il Diacono
don Pino Grasso

Don Pino Grasso nasce a Bagheria (PA) il 1° maggio 1955. Dopo avere avuto conferito i ministeri del lettorato e dell’accolitato, è stato ordinato diacono dal cardinale Salvatore De Giorgi, nella Cattedrale di Palermo il 5 ottobre 2004.

Coniugato con Grazia Culotta il 19 settembre 1975 è padre di 5 figli: Salvatore, diplomato al liceo scientifico “Giuseppe D’Alessandro” di Bagheria, coniugato con Katya Costanzo, diplomata all’Istituto Tecnico Commerciale “Luigi Sturzo” di Bagheria; Cetty diplomata presso l’Istituto regionale d’arte di Bagheria, sposata con Giovanni Mineo, diplomato al liceo scientifico “Giuseppe D’Alessandro” di Bagheria, tre figli Floriana, Carlo e Alessio; Claudio, religioso dehoniano, Marco, militare di carriera nell’esercito, Antonella, studentessa universitaria presso la facoltà di Scienze dell'Università di Palermo.

Si è laureato in Giurisprudenza il 23 novembre 1981 presso l’Università di Palermo, discutendo una tesi su: “Lo scioglimento delle assemblee elettive”. Ha conseguito il Magistero in Scienze religiose discutendo una tesi su: “La pastorale della comunicazione: identità e ruolo degli uffici stampa diocesani”, presso la facoltà teologica di Sicilia “San Giovanni evangelista”. E' docente presso la Scuola teologica di base “San Luca Evangelista” dell’Arcidiocesi di Palermo.

Dal 2002 è stato chiamato dal Cardinale Salvatore De Giorgi a dirigere l'Ufficio Stampa dell'Arcidiocesi di Palermo e dal 2003 è stato nominato direttore del Centro Pastorale per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Palermo e del Centro Regionale della Conferenza Episcopale Siciliana. E’ stato inoltre, componente del Consiglio pastorale diocesano per il quinquennio 1993/98 in rappresentanza del V° vicariato e per il quinquennio 2002/2007 lo è in qualità di Direttore del Centro Pastorale per le Comunicazioni Sociali.

Fin dal 2 febbraio 1976, presta servizio presso l’Università di Palermo e attualmente riveste il ruolo di vice dirigente preposto dell’Ufficio Stampa. E’ responsabile dell’Agenzia di stampa “AteneoNews”. Ha conseguito il Master per responsabili di Uffici stampa, organizzato dall’Università di Firenze e dal Consiglio regionale della Toscana.

E’ giornalista pubblicista e collabora con varie testate nazionali e locali. Tra queste: Avvenire, Il Giornale di Sicilia, InformaCaritas, Cieli Nuovi e Terra Nuova, L’Approfondimento, Corriere dello Sport, Io, Tu Noi, Il Campanile, La Comunità , Ateneo Palermitano. Ha collaborato anche per alcune testate televisive come TGS, Studio 2, Tv 8, Tele One, Tele Radio GB e Tele scout Europa. Autore dei seguenti volumi: “I bagheresi e i monumenti” ed. Ciranna – Roma 1999 e “Una storia di fedeltà” Casa editrice Zefiro - Bagheria 2002.

Sempre nell’ambito della comunicazione svolge le funzioni di direttore responsabile del periodico “San Mamiliano - La Comunità ”, organo ufficiale del Seminario Arcivescovile di Palermo, della testata giornalistica televisiva diocesana “TSE Informa”, della rivista InformaCaritas, organo ufficiale della Caritas diocesana e della rivista “Il Campanile” della Parrocchia San Sepolcro di Bagheria.

Nella Parrocchia del Santo Sepolcro di Bagheria è stato il coordinatore del Consiglio pastorale parrocchiale fin dal 1 ottobre 1996 e si occupa insieme alla moglie Grazia della pastorale familiare e della preparazione ai sacramenti.

Dal 15 giugno 2005 viene inviato dal Cardinale De Giorgi a svolgere il servizio diaconale presso la Parrocchia di San Pietro Apostolo in Bagheria.

 

Il Presbitero
don Riccardo Girgenti

Don Riccardo Girgenti, nasce a Bagheria il 30 maggio 1973, dopo avere conseguito il diploma di Ragioniere, entra nel seminario arcivescovile di Palermo. Frequenta la facoltà teologica di Sicilia dove consegue il Baccalaureato in sacra Teologia. Dopo avere avuto conferito i ministeri del lettorato e dell’accolitato, è stato ordinato diacono dal cardinale Salvatore De Giorgi, nella Cattedrale di Palermo il 24 giugno 2000 e presbitero  dallo stesso Arcivescovo di Palermo il 25 maggio 2001. Nominato parroco della parrocchia Maria Santissima Immacolata Montegrappa in Palermo a decorrere dal 29 novembre 2003.

 

 

 

Suor Chiara Luciana

Suor Chiara Luciana Ricciardi, al secolo Giovanna Maria, nasce a New York il 9 maggio 1973. Rimane negli Stati Uniti fino all’età di 11 anni, dove frequenta la scuola elementare, quindi nel mese di agosto del 1984si trasferisce a Bagheria con la famiglia. A Bagheria frequenta la scuola media “Ciro Scianna” e successivamente l’Istituto tecnico Commerciale “Luigi Sturzo” fino al terzo anno. Il 23 settembre del1991, all’età di 18 anni, entra nel monastero di Santa Chiara di Termini Imerese. Il 31 agosto entra nel Noviziato con il rito della vestizione. L’11 agosto 1994 emette la Professione temporanea e l’11 ottobre del 1998 emette la Professione religiosa solenne alla presenza del Cardinale Salvatore De Giorgi.

 

 

 

Le serve dei poveri

La congregazione delle Serve dei poveri collabora attivamente nelle attività parrocchiali. Le consorelle guidate da suor Lucia, sono impegnate nelle attività catechistiche e caritatevoli, curano infatti alcune classi di bambini in preparazione alla ricezione del sacramento della Prima Eucaristia e come ministri straordinari della Comunione.
La precedente superiora dell’istituto della “Casa della fanciulla” di corso Olivuzza è stata eletta nel settembre del 2005, Madre generale della Congregazione delle serve dei poveri del beato Giacomo Cusmano. Si tratta di suor Lilia Dominguez, 56 anni di nazionalità messicana da alcuni anni alla guida dell’istituto. Dotata di grande intelligenza e grande capacità organizzativa, ha collaborato nella pastorale parrocchiale presso la comunità di San Pietro Apostolo.

Parroci e Cappellani

Padre Melchiorre Chiello

  • don Francesco Speciale dal 1916 al 1937 (rettore);

  • don Francesco Cupani dal 1937 al 1942;

  • don Francesco Romano dal 1942 al 1949;

  • don Nino Urzi dal 1949 al luglio 1976;

  • don Melchiorre Chiello dal 15 settembre 1976 al 12 settembre 1986;

  • don Luciano Catalano, parroco dal 16 novembre 1986 ad oggi;

  • don Maurizio Marullo dal 14 luglio 2002 al 14 settembre 2003.